L’Epicentro delle Arti Tradizionali Giapponesi

Kanazawa prospera come centro per l'artigianato tradizionale giapponese fin da quando i signori del clan Maeda, nel XVII secolo, riunirono nel proprio dominio i migliori artigiani di tutto il Giappone. Questa reputazione nella promozione delle arti e dei mestieri è stata riconosciuta dall'UNESCO, che nel 2009 ha nominato Kanazawa “Città Creativa” per le arti popolari e l’artigianato e ha infine portato al trasferimento del Museo Nazionale dell’Artigianato da Tokyo a Kanazawa nel 2020.

Kanazawa oggi è conosciuta come la città del kogei (artigianato). Gli amanti dell'arte che visitano Kanazawa possono apprezzare decine di forme artistiche tradizionali in negozi, gallerie e musei, e sperimentarle in laboratori pratici sotto la guida di maestri artigiani. La foglia d'oro e la laccatura con la loro eleganza, le splendide tecniche di tintura e ricamo, le ceramiche di pregio: sono solo alcuni esempi delle opere tradizionali che a Kanazawa continuano a essere realizzate a mano, come si è fatto per secoli. Kanazawa rappresenta il meglio dell'artigianato giapponese, riunito in un’unica, incredibile città.

L’Epicentro delle Arti Tradizionali Giapponesi

Foglia d’oro di Kanazawa

Le tradizioni ereditate di Kanazawa

La foglia d’oro è ottenuta battendo l'oro in un foglio estremamente sottile con uno spessore di 0,1 a 0,125 milionesimi di metro. È così sottile che scompare quando si strofina con le dita.

La produzione di foglia d'oro inizì a Kanazawa, alla fine del cinquecento dopo che la famiglia Maeda, che governava il clan di Kaga (le aree attuali di Ishikawa e Toyama) nell’epoca feudale, abbia invitato molti artigiani a Kanazawa. Lo shogunato di Edo (l'attuale Tokyo), comunque non permise la produzione della foglia d'oro in altri luoghi che in aree limitate, come Edo e Kyoto. Così non fu prima della seconda metà del ottocento, che la produzione di foglia d'oro potette ravvivare pubblicamente in Kanazawa.

Un laminatoio è utilizzato per battere l'oro mescolato con un po di argento e di rame. Il foglio di oro diluito è infilato tra due foglie di una carta speciale e ripetutamente picchiata con una macchina fino a ottenere uno spessore di circa 2 / 10-000 mm.

Attualmente, Kanazawa produce 99% di tutta la produzione nazionale di foglia d'oro e 100% delle foglie argento e platino. Questi prodotti genericamente chiamati "Kanazawa Haku" sono designati come artigianato tradizionale del Giappone.

Tintura di seta di Kaga Yuzen

L'arte dei delicati coloranti

Yuzen si riferisce ad una tecnica tradizionale di tintura su tessuti di seta per kimono o ai prodotti realizzati con la stessa tecnica. Kyo Yuzen e Kaga Yuzen sono i stili più famosi di tintura in Giappone. Miyazaki Yuzensai è conosciuto per avere stabilito la tecnica fondamentale dello yuzen all'inizio del settecento.

La seta di Kaga Yuzen è caratterizzata per disegni di bellezza naturale realistici in cinque toni vivaci che sono spesso chiamati "Kaga Gosai" (i cinque colori di Kaga), e l’uso ricorrente d’una gradazione di tintura chiamata "Bokashi". Un rotolo di Yuzen è fabbricato attraverso processi complessi come il trasferimento di motivi, l’incollazione, la colorazione, la cottura a vapore, e il risciacquo. Grazie ai sui motivi splendidi e raffinati, la seta di Kaga Yuzen è conosciuta come un marchio di lusso.

In alcuno negozi, si può osservare o sperimentare il processo di fabbricazione della seta di Kaga Yuzen e indossare un kimono per una passeggiata nella città.

Ricamo di Kaga-nui

Ricamo realizzato con la massima cura

La tecnica del ricamo di Kaga-nui è stata sviluppata in Kanazawa, e utilizzata per le giacche di battaglia della famiglia Maeda, i signori del clan di Kaga, e per i kimono delle donne della famiglia.

Il ricamo di Kaga-nui è caratterizzato per disegni tridimensionali di bellezza naturale utilizzando complessamente fili d’oro e d’argento. Ogni punto del ricamo è infilato con attenzione e secondo una tecnica unica e delicata creando un'atmosfera elegante.

Attualmente, oltre ai kimono, si producono articoli ricamati come borse di stoffa in stile occidentale, cravatte e cuscini che sono molto popolari.

Ceramica di Kutani

Porcellana che rappresenta Kanazawa

La ceramica moderna di Kutani proviene del rilancio della ceramica in Kanazawa all'inizio del ottocento. In origine, la ceramica di Kutani era stata cotta nel villaggio di Kutani, nella parte meridionale dell’attuale prefettura di Ishikawa, durante diversi decenni a partire dalla metà del seicento.

Più tardi, la ceramica di Kutani raggiunse la fama quando fu presentata durante l’Esposizione Universale di 1873. D’allora in poi, la ceramica di Kutani è stata continuamente esportata nell’occidente. È tecnicamente caratterizzata dall’applicazione di sottili strati di vernice in cinque colori: rosso, giallo, verde, violetto e blu scuro.

Le sue rappresentazioni di belli paesaggi naturali, effettuate con molto deciso, sono particolarmente notevoli. L’arte di Kutani è conosciuta e apprezzata come una ceramica particolarmente colorata e tipica del Giappone.

Recentemente, oltre alle tradizionali articoli di stoviglie, la ceramica di Kutani è anche spesso utilizzata per la fabbricazione di tazze di caffè e bicchieri a stelo per il vino.

Ceramica di Ohi

Ceramiche tramandate da oltre 350 anni

Ohi Chozaemon introdusse questa ceramica nella regione nel 1666. Aveva venuto accompagnando il gran maestro del tè Urasenke durante il suo viaggio fino a Kaga, sull’invito della famiglia Maeda, che governò il clan di Kaga (le aree attuali di Ishikawa e Toyama) nell’epoca feudale. Chozaemon rimase a Kanazawa e lavorò per la famiglia Maeda. La ceramica di Ohi, molto leggera, è formata e lavorata a mano servendosi di una spatola e poi cotta a una temperatura relativamente bassa. La sua forma semplice e bella, il suo smalto ambrato così come il suo tocco delicato sono altamente valutati.

Kanazawa Shikki, la lacca di Kanazawa

Tecniche della splendida Maki-e

In inglese, nello stesso modo in cui “China” può significare “porcellana”, la parola “Japan” si riferisce all’artigianato della lacca. La lacca (shikki in giapponese) è possibilmente la forma più rappresentativa di tutto l’artigianato giapponese. Occorre applicare ripetutamente la lacca su legno duro trasformato, come cipresso e legno di zelkova, per completare un autentico “shikki”.

La famiglia Maeda, che governò la provincia di Kaga (le aree attuali di Ishikawa e Toyama) nel periodo feudale, aveva invitato un maestro artigiano nelle prime ore del seicento per aiutare sviluppare la lacca in Kanazawa. La lacca giapponese ha una funzione adesiva. Pertanto, vari motivi possono venire disegnati con polvere d'oro o d'argento, e conchiglie essere incollate sulla superficie. La lacca di Kanazawa che mostra splendide decorazioni, è stata sviluppata per abbelire i mobili e articoli di artigianato artistico dei Signori feudali.

Inoltre, anche se la lacca è vulnerabile ai raggi solari o alla secchezza, è molto resistente tanto all’acqua come al calore e la sua lucentezza va approfondendo nel corso del suo uso.

Lavoro ad intarsio di Kaga Zogan

Opere denominate capolavori superiori

Zogan (intarsio) è una tecnica d’intaglio del metallo di base e d’intarsio d’altri metalli. Kaga Zogan è stato introdotto da un artigiano di metallo che aveva stato invitato dalla famiglia Maeda al fine di sviluppare la tecnologia di produzione di spade e armi. Il metallo di base è inciso con disegni, come ad esempio uno cimiero, e di altri metalli di colore diversi come l'oro e l'argento che vengono colpiti e intarsiati nel metallo di base. Grazie a una tecnica abile, si può incidere belli motivi e linee sottili con uno spessore di pochi millimetri. Di recente, oltre alle tradizionali stoviglie o ornamenti, ciondoli e diversi altri accessori di Kaga Zogan sono divenuti molto popolari.

Kaga Mizuhiki

Delicati ornamenti decorati con fili

I giapponesi hanno la consuetudine di decorare regali con piccole corde chiamate Mizuhiki. Il mizuhiki è una corda speciale realizzata ruotando una lunga e sottile foglia di carta mista con alghe e argilla bianca e indurito con colla. Utilizzando foglia d’oro e d’argento abbondantemente, è lavorato a maglia abilmente in forme di pino, bambù, e susini, gru o tartarughe che sono considerati portatori di buona fortuna. Le corde Kaga Mizuhiki sono indispensabili per le occasioni di buon auspicio, come ad esempio lo scambio dei regali di fidanzamento.

Kanazawa Wagasa

Ombrelli realizzati da bomboo e Washi

Un wagasa è un ombrello tradizionale giapponese che consiste di washi (carta giapponese) con un manico di bambù e stecche. Gli ombrelli wagasa sono ancora indispensabili per la cerimonia del tè e le danze tradizionali anche se gli ombrelli di stile occidentale li hanno sostituiti nella vita quotidiana. Prendendo in considerazione il clima di Kanazawa, dove piove o nevica molto, gli ombrelli wagasa di Kanazawa sono di forte struttura con quattro fogli di carta giapponese incollate alla parte centrale. Inoltre, il wagasa di Kanazawa si caratterizza per l’eleganza delle sue colori e del suo design.

Carta giapponese di Futamata

Carta accuratamente realizzata a mano da artigiani

Futamata si trova nelle montagne di Kanazawa, dove la produzione di carta giapponese ha iniziato 400 anni fa, sotto la protezione e principalmente per l’uso della dinastia Maeda che governò il clan di Kaga (le aree attuali di Ishikawa e Toyama) durante il periodo feudale.

I produttori passano molto tempo a bollire, filtrare manualmente e far seccare corteccia esterna di alberi chiamati kozo, mitsumata, e gampi per produrre la carta di Futamata, che rimane spesso usata nella vita quotidiana dei giapponesi. Inoltre, la carta di Futamata è usata per articoli di artigianato artistico ed entra nella composizione della foglia d'oro).

Artigianato di paulownia

Artigianato decorato con ornamenti in lacca

Fatto di paulownia (chiamato anche il albero principessa), il kirihibachi è uno ustensile tradizionale per riscaldare le mani o le stanze che era molto popolare prima che apparissero i radiatori ad olio o elettrici. Le ragioni principali de questa popolarità erano la facilità di ottenere il materiale in quei giorni e un fascino condiviso per il lavoro della lacca utilizzata comunemente per i kirihibachi. Attualmente, vasi, stampi per dolci e piccoli cassetti sono anche realizzati con splendido lavoro di lacca eseguito sulla grana della Paulownia.

Giocattoli popolari

Adorabili ornamenti portafortuna

La gente di Kanazawa ha molto familiarità con i giocattoli di tradizione locale che sono spesso considerati come portatori di buona fortuna. I giocattoli tradizionali di Kanazawa sono caratterizzati da semplicità, ma anche da una bellezza raffinata. Questi giocattoli comprendono la bambola di Kaga, la testa di un leone, i pompieri “Kaga Tobi” che fanno prestazioni acrobatiche, hachiman okiagari Koboshi (bambola bicchiere) e nezumi komekui (topo che mangia riso).

Esche da pesca di Kaga

Maschere di piume colme di bellezza ed eleganza

La famiglia Maeda, che ha governato il clan di Kaga (le aree attuali di Ishikawa e Toyama) durante l’epoca feudale, promosse la pesca fluviale per la preparazione fisica dei samurai. Allora, le mosche di pesca erano state fatte con piccole piume per sembrare a insetti volanti sopra la superficie del fiume. Attualmente, diversi accessori e pendenti sono prodotti secondo la tecnica di fabbricazione delicata delle mosche di pesca.

  • Il museo della foglia d’oro di Kanazawa

Ricorda che a volte Google Maps non visualizza correttamente le mappe.

Recommend

Ti potrebbe anche interessare

Guida a Kanazawa
Guida a Kanazawa
more
Alla ricerca dello spirito samurai
Alla ricerca dello spirito samurai
more
Attrazioni invernali a Kanazawa
Attrazioni invernali a Kanazawa
more
L’Epicentro delle Arti Tradizionali Giapponesi
L’Epicentro delle Arti Tradizionali Giapponesi
more
Kanazawa: Diversa in Ogni Stagione
Kanazawa: Diversa in Ogni Stagione
more
To Top